L’Internet of Things (IoT) è una tecnologia che permette di collegare tra loro, grazie ad internet, oggetti fisici dotati di sensori, software e connettività. 

Lampadine che si accendono e si spengono in base alla presenza delle persone, al livello di luce ambientale o a comandi vocali.
Sensori di temperatura e umidità che monitorano le condizioni ambientali dei magazzini e delle camere frigorifere, inviando segnali di allarme in caso di anomalie.
Dispositivi wearable che tracciano i parametri vitali e la posizione dei dipendenti che lavorano in ambienti pericolosi o isolati, garantendo la loro sicurezza e facilitando le operazioni di soccorso.


Sono solo alcuni esempi di come l’IoT possa migliorare la qualità della vita umana, offrendo soluzioni personalizzate, efficienti e sicure per le diverse esigenze degli utenti.

L’IoT non richiede l’installazione di programmi o software specifici, ma si basa su algoritmi di intelligenza artificiale che analizzano e prevedono autonomamente le azioni, le preferenze e i comportamenti degli utenti, adattando di conseguenza i dispositivi e i servizi.

La tecnologia alla base viene definita M2M, o machine-to-machine in quanto si tratta di un processo nel quale la comunicazione tra dispositivi, come sensori, attuatori, controllori o computer, avviene autonomamente, senza intervento umano.
La comunicazione M2M può utilizzare diverse tecnologie, come reti cablate o wireless, reti cellulari, identificazione a radiofrequenza (RFID) o Bluetooth. Può coinvolgere anche  l’uso di cloud computing e big data analytics per elaborare e memorizzare i dati raccolti dai dispositivi.

L’IoT può essere applicato ai più vari ambiti e settori, come la salute, la mobilità, l’energia, la sicurezza, l’istruzione, l’intrattenimento e molti altri, creando opportunità di innovazione e sviluppo. Abilitando nuovi modelli di business e servizi, come il monitoraggio remoto, la manutenzione predittiva, il telecontrollo o la telematica.

Vediamo alcuni esempi concreti di come l’IoT può migliorare le prestazioni, l’efficienza e la sicurezza in diversi contesti.

IoT aiuta a capire i clienti e quindi a migliorare il servizio.

Una rete di oggetti intelligenti può raccogliere e trasmettere dati in tempo reale, offrendo informazioni preziose sul comportamento, le preferenze e le esigenze dei clienti.
In questo modo, le aziende possono offrire un servizio più personalizzato, efficiente e innovativo, aumentando la soddisfazione e la fedeltà dei clienti. 

Samsung ha annunciato di aver integrato la sua piattaforma SmartThings in tutti i suoi dispositivi, compresi smartphone, tablet, TV, elettrodomestici e dispositivi indossabili. Questo significa che gli utenti potranno controllare e gestire i loro dispositivi intelligenti da un’unica app, creando esperienze di vita connessa personalizzate e semplificate.

La tecnologia SmartThings permette agli utenti di connettere e controllare i dispositivi compatibili tramite Wi-Fi, Bluetooth o Zigbee, senza bisogno di hub aggiuntivi. Gli utenti possono anche creare scene e routine personalizzate per automatizzare le azioni dei dispositivi in base a vari fattori, come l’ora del giorno, la posizione o il meteo.

Samsung ha inoltre ampliato il suo ecosistema di partner SmartThings, che ora include oltre 200 marchi e oltre 5.000 dispositivi. Tra questi ci sono Google Nest, Amazon Alexa, Philips Hue, Arlo, Ring, Sonos e Spotify. Inoltre, Samsung ha lanciato il programma Works With SmartThings (WWST), che certifica i dispositivi di terze parti per garantire la compatibilità e la sicurezza con la piattaforma SmartThings.

Samsung ha dichiarato che l’integrazione della tecnologia SmartThings nei suoi dispositivi è parte della sua visione di rendere la vita connessa accessibile a tutti. L’azienda prevede di continuare a innovare e a espandere le funzionalità di SmartThings per offrire ai suoi utenti esperienze intelligenti e personalizzate in ogni momento e ovunque.

Samsung Accelerates Connected Living Adoption by Integrating SmartThings Technology Into Samsung Devices – Samsung Global Newsroom

Rolls-Royce utilizza l’intelligenza artificiale (AI) e l’Internet delle cose (IoT) per creare motori a reazione più intelligenti e efficienti. Possiede ha una base installata di oltre 13.000 motori aeronautici civili in servizio in tutto il mondo, che sono monitorati tramite IoT per garantire la loro salute e prestazioni.
Ha implementato anche alcuni strumenti basati sull’AI che analizzano i dati raccolti dall’IoT, come Smart Discovery, che aiuta a diagnosticare i problemi dei motori, e Intelligent Borescope, che riduce il tempo necessario per ispezionare un motore del 75%.
L’uso combinato di AI e IoT è parte della visione di Rolls-Royce di creare l’IntelligentEngine, un motore che sia connesso, consapevole e capace di comprensione.

News & Insights | Rolls-Royce – How AI scales up IoT capability in turbofan jet engines

L’IoT crea nuovo valore per il consumatore.

L’Internet of Things crea nuove opportunità di creare valore per il consumatore, sia in termini di miglioramento dell’esperienza d’uso, sia di offerta di servizi aggiuntivi.
Generando un’importante leva di differenziazione rispetto alla concorrenza.

John Deere, il leader mondiale nella produzione di macchine agricole, ha presentato al CES 2022 il suo primo trattore interamente autonomo. Il veicolo, chiamato X9, è in grado di operare senza la presenza di un operatore umano, grazie a una serie di sensori, telecamere e algoritmi di intelligenza artificiale.
Il trattore può eseguire diverse operazioni agricole, come la semina, la concimazione, la raccolta e il trasporto dei prodotti.
Il trattore è anche in grado di comunicare con altri veicoli e dispositivi connessi alla rete John Deere Operations Center, per ottimizzare le prestazioni e ridurre i consumi. John Deere ha dichiarato che il trattore autonomo rappresenta una rivoluzione nel settore agricolo, in quanto offre ai produttori una maggiore efficienza, sicurezza e sostenibilità.

John Deere presenta un trattore interamente autonomo al CES 2022

Si tratta di un esempio di innovazione posizionante anche in ottica di sostenibilità e risposta alle grandi sfide del futuro.
L’automazione appare infatti indispensabile per riuscire a soddisfare la crescente richiesta di cibo nel mondo. Questa non è una richiesta del mercato, ma dell’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao).

IoT ottimizza i processi aziendali.


Grazie all’IoT, le aziende possono raccogliere e analizzare i dati provenienti dai dispositivi connessi, come macchinari, veicoli, magazzini, ecc. Questi dati forniscono informazioni preziose sullo stato, il funzionamento e le prestazioni dei processi aziendali.

Il Management può quindi monitorare in tempo reale i processi e intervenire in modo rapido ed efficace per migliorarli o modificarli. Ad esempio, è possibile ridurre i costi operativi, aumentare la qualità dei prodotti o dei servizi, prevenire guasti o malfunzionamenti, migliorare la sicurezza e la sostenibilità, ecc

Diverse realtà utilizzano algoritmi di surge pricing, ovvero metodi matematici che permettono di modificare i prezzi di un bene o di un servizio in base alla domanda e all’offerta in combinazione con il machine learning per ottimizzare le strategie di pricing e massimizzare i profitti.

Un esempio è il settore dei trasporti, in particolare quello dei servizi di ride-hailing come Uber o Lyft.
Queste aziende usano dei modelli predittivi basati su vari fattori per calcolare il prezzo più adeguato per ogni corsa. In questo modo, possono incentivare la domanda quando l’offerta è bassa e viceversa, bilanciando il mercato e aumentando le entrate.

Gli algoritmi elaborano la massiccia mole di dati resi disponibili dai dispositivi connessi: il numero di richieste e di autisti disponibili, la distanza e il tempo stimati della corsa, le condizioni del traffico, le previsioni meteorologiche, gli eventi speciali e altri dati storici e in tempo reale.
Gli algoritmi sono anche adattivi e dinamici, cioè si aggiornano continuamente in base ai cambiamenti della domanda e dell’offerta.

Lyft and Uber Dynamic Pricing Algorithms – DataRoot Labs


L’introduzione dell’IoT aumenta la redditività di un’azienda.

Uno dei principali benefici dell’IoT è la possibilità di raccogliere e analizzare grandi quantità di informazioni provenienti dai dispositivi intelligenti.
Queste informazioni possono essere utilizzate per migliorare i processi, i prodotti e i servizi offerti dalle aziende, nonché per identificare le opportunità di crescita e innovazione. Ad esempio, un’azienda che produce macchinari industriali può usare i sensori IoT per monitorare lo stato e le prestazioni delle sue attrezzature, prevenire i guasti, ottimizzare la manutenzione e ridurre i costi operativi.

Un altro vantaggio dell’IoT è la capacità di gestire in modo più efficiente e sostenibile le risorse aziendali. Grazie ai dispositivi IoT, le aziende possono controllare a distanza il consumo di energia, acqua, materiali e altre risorse, riducendo gli sprechi e le emissioni. Inoltre, i dispositivi IoT possono facilitare la logistica e la distribuzione dei prodotti, migliorando la tracciabilità, la sicurezza e la qualità.


Le informazioni raccolte dai gadget intelligenti aiutano anche a sviluppare il business nella giusta direzione.

Queste informazioni aiutano a controllare e allocare correttamente tutte le risorse aziendali. Inoltre, i dati ottenuti in questo modo possono diventare una fonte di guadagno aggiuntivo.

Opinioni finali / Conclusioni:

  • L’Internet of Things è una rete che comprende tutti gli oggetti che ci circondano, dagli elettrodomestici alle macchine industriali.
  • Il compito principale dell’IoT è rendere la vita umana confortevole e sicura. L’Internet delle cose accompagna tutte le azioni degli utenti ed è orientato ai risultati.
  • In futuro, la maggior parte delle città diventeranno “intelligenti”. Secondo le previsioni, entro il 2025, 600 città diventeranno “smart”. Queste città produrranno due terzi del PIL mondiale.
  • La nuova tecnologia consente alle aziende di diventare più competitive: ridurre i costi, consumare le risorse con parsimonia e risparmiare su riparazioni e manutenzione.
  • Le tecnologie IoT avvantaggiano ogni azienda. In agricoltura, ad esempio, l’introduzione dell’Internet delle cose ha permesso di aumentare la produttività di 530 (!) volte.
  • Le aziende che hanno già iniziato a implementare nuove tecnologie raggiungeranno un nuovo livello di sviluppo. Il resto dovrà recuperare terreno o abbandonare il mercato.


Vuoi approfondire gli argomenti con i nostri esperti?


Visited 62 times, 1 visit(s) today

Last modified: April 23, 2024

Close